Gallerie

L’essenza umana affonda le radici nel fango

ioinviaggio

Il fior di loto asiatico, Nelumbium speciosum, èuna pianta acquatica, le cui foglie, grandi fino a 60 cm anche hanno la particolarità di essere idrorepellenti, nell’induismo e ne buddismo è considerato sacro.

I fiori, i semi, le foglie giovani e i rizomi sono tutti commestibili. In Asia, i petali vengono mangiati mentre le foglie sono solitamente utilizzate come piatto per il cibo. Il rizoma è utilizzato come condimento. Mentre i frutti secchi sono usati come decorazione.

Nel buddhismo è il simbolo dell’essenza umana che, pur rimanendo pulita, affonda le radici nel fango della realtà. Senza il fango il loto non può esistere, così come il Buddha si manifesta grazie agli affanni della vita quotidiana. Inoltre il loto sviluppa il frutto e il seme nello stesso periodo e quindi è il simbolo della legge buddista di causa-effetto.

Bellissima la foglia che sembra quasi un ombelico che raccoglie l’acqua della…

View original post 62 altre parole

Annunci

Le nostre farfalle

intempestivoviandante's Blog

Le farfalle sono ospiti fisse del nostro giardino a ogni estate e si lasciano fotografare senza problemi, forse, si mettono persino un po’ in posa, non fuggono, al massimo aprono le ali per lasciarsi vedere meglio, fanno un voletto fingendo di allontanarsi, ma subito tornano vicino, restano lì, aspettano lo scatto, poi vanno via. Qualcuna si lascia quasi toccare, non scappa neanche se inavvertitamente la sfiori. Presto o tardi, potrebbero venire a suggerci il nettare direttamente dalle mani, se lo volessimo.

L’unica che ogni tanto si fa vedere ma non si ferma mai è la meravigliosa farfalla nera che avevo già visto. Lei è di quelle che seducono fuggendo e facendosi desiderare. Ma è così bella che continuo ad aspettarla. Stamattina c’era, ha fatto una rapidissima comparsa, quasi come dire, non sono sparita, continua ad aspettarmi, forse, chissà, un giorno…

E io sì, continuo ad aspettare… 🙂

View original post

Christie’s, il “mitico” diamante blu all’asta per 45 milioni di dollari

Fiori di Alice

Si chiama “Oppenheimer Blue” e con 14,62 carati è il più grande diamante blu intenso mai messo all’asta. Sarà in vendita il prossimo 18 maggio da Christie’s a Ginevra come pezzo più prezioso dell’evento “Magnificent Jewels” dedicato al mondo dei preziosi. Classificato dal Gia (Gemological Institute of America) come “Fancy Vivid Blue”, il grado di colore più intenso per i diamanti blu, è stimato tra i 38 e i 45 milioni di dollari. La pietra ha preso il nome dal suo precedente proprietario, sir Philip Oppenheimer, la cui famiglia è stata leader nel settore dei diamanti per 80 anni con la De Beers, prima di cedere il 40% della compagnia alla AngloAmerican plc nel 2012. “Sir Philip avrebbe potuto avere qualsiasi diamante – spiega François Curiel, a capo della Christie’s Asia Pacific and China – ma ha scelto questo per la sua tonalità perfetta, le proporzioni impeccabili e una favolosa forma…

View original post 123 altre parole

Coast to coast su Instagram tra i parchi Usa, le foto più belle dall’account del Governo

Fiori di Alice

Come un catalogo di viaggio, per avere un’idea delle bellezze naturali da visitare negli Stati Uniti basterebbe sbirciare le foto che ogni giorno posta il Dipartimento dell’Interno sul suo profilo Instagram. Grazie alle immagini mozzafiato che immortalano canyon, vallate, spettacolari tramonti, cascate di stelle nel cielo dei parchi e la natura selvaggia, il canale social è uno dei più seguiti tra quelli istituzionali e conta quasi un milione di seguaci. Istantanee scattate dal personale che lavora nelle riserve, da fotografi o dai turisti in tutto il Paese, dai colonnati di Washington alle sequoie della California. Ecco una carrellata dei post più apprezzati di sempre dai follower, raccolta da Usa Today. source

View original post

Otranto, Sperlonga e Cefalù: i 20 borghi italiani più ricercati

Fiori di Alice

Vicoli, case arroccate e un fascino senza tempo: i borghi rappresentano un patrimonio storico inestimabile per l’Italia, oltre a esercitare un forte richiamo per i turisti. L’Osservatorio Trivago ha analizzato le ricerche effettuate dagli utenti sulla sua piattaforma nell’ultimo anno e ha stilato una classifica dei borghi più gettonati. La top 20 include destinazioni pittoresche e panorami mozzafiato disseminati per tutto lo Stivale: dal borgo montano di Vipiteno (Trentino Alto Adige), a Norcia (Umbria), da Vietri sul Mare (Campania) a Lerici (Liguria), da Castelsardo (Sardegna) a Monte Argentario (Toscana). Scopriamo insieme chi si posiziona ai primi posti. source

View original post

La classifica delle città più costose al mondo in cui lavorare

Fiori di Alice

Che la vita di un lavoratore possa costare molto a Londra o a New York ce lo si può anche aspettare, ma chi avrebbe mai detto che Lagos è più costosa di Sydney o Los Angeles? Quella del maggior centro della Nigeria non è l’unica sorpresa presente nella classifica messa a punto da Savills, fornitore globale di servizi immobiliari, che ha stilato la graduatoria mondiale delle città più costose. L’elenco viene fuori dalla valutazione del costo degli affitti degli immobili per uso residenziale, unito al costo di affitto degli uffici e rapportato alle spese di un lavoratore medio in un anno. Il tutto per dare un’idea di quanto costi mantenere un lavoro nei centri nevralgici del pianeta. “Le maggiori città del mondo possono diventare vittime del loro stesso successo quando gli affitti aumentano al punto di diventare un problema” ha dichiarato Yolande Barnes, a capo della ricerca svolta da Sevills…

View original post 30 altre parole

Saper Aspettare

Manuel Chiacchiararelli

Saper aspettare…
Sempre. Nella convinzione che il meglio deve ancora venire.
Nel credo che, come non può piovere per sempre, così nessuna oscurità potrà impedire alla luce di tornare a splendere.
Aspettare! Fiduciosi che grandi cose e piccoli grandi miracoli ci attendono, anche se adesso tutto attorno a noi prova a dirci il contrario.
Saper aspettare… nonostante tutto!

Come questo tramonto, iniziato in sordina, senza alcuna aspettativa: una fioca luce all’orizzonte, nuvole grigie, freddo che ti spinge a tornartene a casa.
E invece abbiamo aspettato: la luce esplode, il cielo si dipinge, il grigio si colora e il momento diventa inattesa e preziosa poesia.
E per aver aspettato un tramonto fantastico ci viene regalato.
Piccola grande sorpresa, piccolo grande miracolo!
E noi restiamo tranquilli, felici di saper avuto aspettare!
Felici! … e non è cosa da poco…

Versione in inglese e in polacco fra poco su – English and polish…

View original post 5 altre parole