Il calcio italiano è come l’editoria italiana

Plutonia Experiment

Weah e Baggio celebrano il gol del fantasista rossonero durante la gara vinta per 4 a 2 dal Milan sul Goteborg ieri sera a San Siro. (Ap Photo/Carlo Fumagalli)

Pochi giorni fa ho avuto modo di fare una piacevole conversazione con un amico che si occupa di giornalismo sportivo, e che è stato anche autore di un paio di saggi sul calcio. Niente nomi, visto che la nostra è stata una chiacchierata informale, non un’intervista.
Tra le tante cose interessanti emerse dal nostro scambio di pareri è emerso un parallelismo piuttosto strano – ma a mio parere azzeccato – tra il calcio italiano e l’editoria italiana.
Entrambi i settori erano, fino a un decennio fa, vitali, ricchi e pieni opportunità. Erano parti fondamentali dell’economia dell’entertainment italiano.
Entrambi vivono un presente fatto di ristrettezze economiche, di scarsi investimenti, di disinteresse generalizzato.
Ma quali sono i fattori che hanno portato i due settori a questo tracollo?
Vi elenco unicamente quelli che valgono sia per il calcio che per l’editoria.
Poi mi saprete dire.

View original post 817 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...