Attimo sublime

Giuliana Campisi

image

Quando nel silenzio

cessa il rumore del tempo che scorre

ed il battito del cuore rallenta

e si acquieta come un passero nel nido

all’imbrunire,

in quell’attimo sublime tutto si compie.

Scompaiono gli strati di amarezza,

si ricuciono le ferite del dolore,

ed i buchi della solitudine

si colmano di sottile consapevolezza.

Percepisco la mia coscenza

profonda come seta che scorre

sulla pelle, sesto senso del

mio essere terreno in bilico

con l’eterna coscenza universale.

Giuliana Campisi ©

View original post

A chi si sente solo

Idee in movimento

Un pensiero a tutti coloro che pensano di essere soli al mondo

Era autunno, le foglie cadevano e ricoprivano il terreno in un manto giallo e rosso che scricchiolava sotto i miei piedi. Era una giornata bellissima, il sole autunnale mi accarezzava la pelle mentre la brezza leggera mi scompigliava i capelli. Sentivo gli uccellini cantare, il vociare festoso dei bambini che correvano nel parco. Ero nel posto che più al mondo amo … in compagnia di mio marito e di amici cari … ero felice. Mi trovo di colpo assorta ad osservare due panchine. Rapiscono la mia attenzione. Sono li, sole, all’ombra degli alberi, con le foglie secche sopra, come se nessuno vi si fosse seduto sopra da molto tempo. Nulla intorno … solo foglie cadute, ombra, e quelle due panchine. Ho pensato a quanta gente si senta sola come quelle panchine. Ci si può sentire soli anche in…

View original post 361 altre parole