Roland Ratzenberger: la storia di un pilota indimenticato

Vivere F1

Imola, 30 Aprile 1994, qualifiche. La Simtek numero 32, quella dell’austriaco Roland Ratzenberger, esce di pista tra le curve Tamburello e Villeneuve. L’impatto è terribile. La monoposto rimbalza in pista e si ferma in mezzo alla curva Tosa. Che la situazione sia grave lo si intuisce da subito: il pilota non si muove, il casco è appoggiato sul lato sinistro. Roland Ratzenberger è morto.

E’ incredibilmente difficile parlare di Roland Ratzenberger. Un pilota, sì, ma soprattutto un uomo, un ragazzo di 33 anni che aveva realizzato il suo sogno: correre in Formula 1. Lo aveva rincorso da sempre, Roland, il desiderio di scendere in pista con i grandi campioni dell’epoca, nella massima serie dell’automobilismo a ruote scoperte. E ci era riuscito. La F3, poi la 24 ore di Le Mans: ben 5 partecipazioni, con un quinto posto assoluto come miglior risultato, ottenuto nel 1993 al volante di…

View original post 158 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...